Appuntamenti e News

  • Santa Messa di Natale ore 22.30 il giorno della vigilia 24 Dicembre 2007
  • Giucano nel Dizionario del Repetti - clicca qui...
  • Presepe 2007 - Le fotografie

In primo piano



L'articolo de La Nazione


Sabato 8 Settembre 2007

"Il borgo rinasce grazie ad

Internet"

I DUE CIBORI

Nel primo altare, a sinistra del presbiterio, è murato un ciborio quattrocentesco insistente su di un piedistallo moderno. L'elemento monolitico è costituito dal corpo centrale esagonale e dalla sovrastante cupola embricata; presenta su di un lato a rilievo la figura del Cristo in pietà mentre negli specchi a fianco insistono due coppe con motivi fogliati e perline.

Una cornice a perline delimita le modanature superiori e inferiori del paramento. L'immagine del Cristo, purtroppo non pienamente leggibile a causa della collocandone attuale del ciborio, è caratterizzata dalla capigliatura ricadente rigida sulle spalle e dalla evidenziazione delle nervature nelle braccia e nelle mani dalle dita esili ed allungate. Il telo ricadente in una fitta increspatura è annodato sul fianco sinistro. Sembra opera riconducibile agli ultimi decenni del XV secolo.

Sul primo altare, a destra del presbiterio, è posto questo ciborio esagonale marmoreo, composto da un basamento a sfaccettature su cui insistono il fusto ed il corpo centrale, ricavati da un unico blocco e sormontati dalla cupola embricata.

Le specchiature, definite da semplici cornici, sono ornate al centro con grandi corolle a rilievo, mentre una decorazione a foglie delimita, sia nella parte inferiore che in quella superiore, il corpo centrale. Due piccole figure angeliche oranti emergono, scolpite a rilievo, ai lati della porticina, ora assente. L'impianto simile ed il riproporsi dell'analoga terminazione a cupola fanno ritenere anche questo ciborio prodotto di una bottega apuana degli inizi del XVI secolo.

Il santo è raffigurato secondo un'iconografia poco diffusa, che trova tuttavia riscontri successivi in dipinti in ambito ligure. Si può ammirare San Fabiano, papa e martire, assiso in trono; la figura massiccia, il capo sormontato dal triregno papale su cui insiste una piccata croce lignea dorata, è rivestito del manto che forma sulle ginocchia, al di sopra della veste, piatte pieghe simmetriche.

La qualità dell'esecuzione risulta comunque modesta; è presumibile ritenerla opera di uno scultore arcaicizzante della metà del XV secolo.

Il semolino

Mescolare il latte, il semolino, lo zucchero e una buccia di limone in un tegame fino a portare il contenuto a ebollizione. Togliere il tegame dal fuoco; aggiungere e il il burro, il bicchiere di rum profumatto, lasciarlo raffreddare a e poi aggiungere i rossi di tre uova e mescolare bene. Imburrare e impanare una forma in cui versare tutto il contenuto del tegame. Se l'impasto è piuttosto oppure quasi liquido aggiungere alcuni a amaretti interi e mettere in forno caldo per piu o meno 30 minuti.

Baccala din patate

Dopo aver lasciato a bagno il baccalà per 24 ore, eliminare le lische e la pelle, tagliare a pezzi. In una casseruola rosolate in 4 cucchiai d'olio la cipolla, adagiatevi il baccalà e le patate tagliate a pezzi e cospargete con aglio tritato e 2 acciughe. Aggiungete il passato di pomodoro diluito con 1/2 bicchiere d'acqua e cuocete per circa un'ora. A metà cottura aggiungete il vino.

Un giorno indimenticabile a Giucano

Giucano è un borgo in provincia di Massa e Carrara circondato da una vegetazione lussureggiante che invita i suoi visitatori a fare una passeggiata tra le vaste piantagioni di ulivi ed assaggiare il vino prodotto localmente, proveniente dai vigneti coltivati qui attorno. È anche una meta turistica ideale per coloro che vogliono trascorrere qualche momento di relax, in un ambiente tranquillo e pittoresco, ma pur sempre facilmente raggiungibile con la macchina: per arrivare a destinazione, basta superare il comune di Fosdinovo ed incominciare i 3 km di leggera salita dettati dal paesaggio collinare. Quanti si sono messi in moto per esplorare il territorio e arricchire le loro conoscenze in fatto di arte, storia e costumi, resteranno a bocca aperta una volta arrivati a Giucano.

Di particolare interesse storico-artistico, infatti, sono le chiese di San Sebastiano e San Fabiano, antiche costruzioni che si stagliano in uno scenario da favola e portano con sé quell'atmosfera intima propria dei villaggi e comunità situate lontano dal traffico cittadino, dal rumore frenetico della folla e dal caos delle grandi città. A questo proposito, occorre menzionare il caratteristico falò di San Giovanni Battista, una tradizione fra le più antiche che viene celebrata in giugno e che raccoglie ogni anno turisti, curiosi, gente del posto e appassionati del folclore locale.

A Giucano, non avrete tempo di pensare alle escort Italia dal http://www.escortforumit.xxx, poiché tantissime sono le attività che si possono fare in questo luogo così affascinante. Ad esempio si può fare un giro in bicicletta lungo gli itinerari sparsi qua e là per le terre di Lunigiana, oppure scoprire le tradizioni culinarie locali, assaggiando e gustando alcuni dei prodotti tipici o una delle specialità fatte in casa. Il turismo è fatto anche per deliziare le vostre papille gustative e dunque, se siete in visita a Giucano, è d'obbligo provare i saporiti ceci al caciucco, il gustoso coniglio in porchetta, i dolciastri ricciarelli, i famosi tortelli di patate e le sfiziose cipolle farcite.

É una sfida contro voi stessi quella di scoprire e capire quali siano gli ingredienti segreti e le ricette misteriose che rendono questi piatti tanto speciali. Così è interessante sapere anche quali erano gli antichi mestieri artigiani e le faticose mansioni contadine, e come tale borgo sia riuscito a conservare intatto il suo fascino, nonostante l'avvento della modernità e il progresso della tecnologia. Con l'arrivo del bel tempo e della calura estiva, gli amanti del trekking saranno lieti di sapere che in questa località è possibile fare gite e visite in mezzo alla natura incontaminata.

Questa sarà una bella scoperta anche per gli appassionati di fotografia, dato che la bellezza di questi posti è inesprimibile a parole ed molto più suggestivo coglierla attraverso uno scatto ben riuscito. Che siate da soli, in coppia, o in compagnia dei vostri amici e della vostra famiglia, Giucano non vede l'ora di accogliervi con le sue meraviglie paesaggistiche, con la cordialità della sua gente e la varietà delle proposte ed eventi pensati per far divertire chiunque sia di passaggio.

Copyright 2006 - Giucano.it